Navigation

Nucleare iraniano, trattative alla stretta finale a Losanna

Intesa appesa a un filo, Teheran contraria a esportare l'uranio arricchito in Russia

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2015 - 21:41

Questa mattina alle 9 è iniziata l'ennesima riunione plenaria in riva al Lemano il cui esito rimane appeso a un filo. Le strane alleanze (non dichiarate) nella guerra contro l'IS in Siria e Iraq ha dischiuso scenari inediti che hanno fatto accelerare le trattative in corso sul contestato progetto di arricchimento dell'uranio condotto dall'Iran. Da una parte ci sono le sanzioni contro Teheran e dall'altro i timori di un possibile armamento atomico.

Ma a tenere in bilico il potenziale accordo è la vertenza sulla evocata esportazione in Russia delle centrifughe in cui verrebbe prodotto il combustibile nucleare. Su quest'ipotesi si è registrata la chiusura della delegazione di Teheran ma alcune indiscrezioni lasciano aperta la porta a possibili intese dell'ultima ora.

Partecipa alla discussione!

I contributi devono rispettare le nostre condizioni di utilizzazione.
Ordina per

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Scoprite ogni settimana i nostri servizi più interessanti.

Iscrivitevi ora per ricevere gratuitamente i nostri migliori articoli nella vostra casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.