Navigation

Quei diamanti erano di Enderlin

Ricondicibile al politico luganese il carico sequestrato al valico doganale di Chiasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2014

I gioielli sequestrati mesi fa alla dogana di Chiasso sono riconducibili a Davide Enderlin. A questa conclusione è giunta la procura di Genova, che indaga sullo scandalo che ha colpito la banca Carige e ha posto agli arresti lo scorso 22 maggio il consigliere comunale luganese. Da telefonate e messaggi gli inquirenti liguri hanno potuto ricostruire il collegamento con l'avvocato ticinese e la donna lituana fermata al valico ticinese con 650'000 euro di diamanti e altri preziosi. Dagli accertamenti dei magistrati è possibile che emergano eventuali connessioni tra questa vicenda e l'inchiesta sulla banca Carice, nella quale Enderlin è indagato per concorso in truffa da 21 milioni di euro e riciclaggio.

Altri sviluppi

Partecipa alla discussione!

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

   Notiziario
Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

I migliori articoli della settimana

Restate aggiornati/e con i migliori articoli di TVS tvsvizzera.it su un'ampia varietà di argomenti, direttamente nella vostra casella di posta elettronica.

Settimanale

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.