Navigation

Il turismo è una minaccia per l’ecosistema alpino?

Lo spettacolo delle Alpi attira da due secoli una moltitudine di turisti. © Keystone / Christian Beutler

Il turismo di massa e alcuni grandi progetti infrastrutturali possono mettere a rischio il delicato equilibrio ambientale nella regione apina.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 agosto 2022 - 18:00
Redazione di Falò (RSI)

Le Alpi sono un ecosistema delicato e fragile. La loro notorietà è da attribuire anche al turismo internazionale: sono infatti numerosi gli ospiti stranieri che ogni anno le visitano sia in inverno che in estate. In alcune ragioni, dall’arrivo dei primi agiati turisti britannici circa due secoli fa, è cambiato poco.

Altre mete hanno invece subito uno sfrenato e radicale sviluppo edilizio e commerciale che ne hanno cambiato i connotati originari. Importanti infrastrutture, come le diverse tratte ferroviarie disseminate tra le rinomate località turistiche, hanno finito per alterare l’approccio alla montagna e l’economia locale.

Oggi, ad esempio, sulla celebre Jungfrau nei punti di ristorazione vengono offerti piatti esotici in aggiunta a quelli della tradizione elvetica.

Nella puntata del settimanale di approfondimento Falò della RSI viene affrontata l’irrisolta questione che riguarda l’arco alpino: come è possibile garantire l’equilibrio tra legittime aspirazioni dei numerosi amanti della montagna con le esigenze di tutela del patrimonio ambientale nelle regioni alpine?

Contenuto esterno


Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Scoprite ogni settimana i nostri servizi più interessanti.

Iscrivitevi ora per ricevere gratuitamente i nostri migliori articoli nella vostra casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.